PNSD – AZIONE #28 – Animatore Digitale

Poco connesse e a bassa velocità: le #scuoledigitali sono ancora un miraggio

La fotografia dello stato della scuola digitale in Italia è purtroppo finora la foto di una serie di promesse non mantenute. Le sessanta ore di coding, promesse dall’ex ministro Stefania Giannini in tutte le scuole primarie, non ci sono ancora. La connessione in fibra ottica in tutte le scuole entro il 2018, promessa e poi rinviata al 2020, è ferma a poco più di una scuola su dieci. È stato mantenuto l’impegno di trasformare in ogni scuola un docente in animatore digitale, ma il piccolo fondo spese da mille euro l’anno per scuola, non è mai arrivato (pare che una annualità sia finalmente in pagamento in questi giorni); così come non c’è traccia del contributo per le spese di connettività che ciascun istituto avrebbe dovuto ricevere.

Poco connesse e a bassa velocità: le #scuoledigitali sono ancora un miraggio

L’ex ministro Giannini (facebook)

Il Piano nazionale scuola digitale, varato in forma aggiornata nel 2015 in concomitanza con la legge 107/2015 “La buona scuola”, era partito con premesse e promesse molto positive e un elenco di ben 35 azioni concrete corredate anche da una indicazione dei tempi e delle risorse per la messa in pratica. Ad agosto, l’AGI ha fatto richiesta di accesso civico al ministero dell’Istruzione (usando lo strumento del Foia) e ha chiesto tutti i dati per capire a che punto e’ la digitalizzazione della scuola. Abbiamo chiesto sia i dati sulla connessione e le infrastrutture che quelli sull’attuazione dei percorsi di pensiero computazionale e di didattica digitale.

 

Source: Poco connesse e a bassa velocità: le #scuoledigitali sono ancora un miraggio

Comments are disabled